Obiettivo: abbronzatura perfetta!


Tutti noi vogliamo un abbronzatura perfetta, omogenea e duratura. Per avere questo risultato bisogna conoscere la propria pelle, scegliere i prodotti giusti e proteggersi sempre con un filtro solare adeguato.


Prima di tutto vediamo quali sono i fototipi e cosa significa SPF.


Esistono 6 fototipi diversi e più il fototipo è basso, più il fattore di protezione deve essere alto.

  • Fototipo 1: carnagione molto chiara e occhi chiari, estremamente sensibile all'esposizione solare; devono proteggersi sempre con una protezione molto alta

  • Fototipo 2: carnagione chiara e occhi azzurri o verdi generalmente richiedono protezione più elevate nei primi giorni di esposizione, per poi eventualmente diminuire con protezioni medie

  • Fototipo 3: carnagione abbastanza chiara e i capelli sono di colore biondo scuro o castano, mentre gli occhi sono azzurri o verdi scuri. Si abbronza gradualmente e sono sufficienti filtri solari a media protezione

  • Fototipo 4: carnagione lievemente scura od olivastra, i capelli generalmente castani o castano scuro, gli occhi possono essere di colore marrone scuro o marrone chiaro. Si abbronza rapidamente senza scottarsi e sono sufficienti creme solari con SPF medio basso

  • Fototipo 5: carnagione molto scura, capelli neri e, generalmente, occhi marroni. L'abbronzatura è intensa e si possono ustionare solo in rari casi. Bastano filtri solari a basso indice di protezione

  • Fototipo 6: carnagione estremamente scura o nera, occhi marroni scuri e capelli neri. Si scottano solo in caso di eccessiva ed incontrollata esposizione solare; in ogni caso è bene utilizzare una crema solare con fattore di protezione basso

Che cosa indica il fattore SPF?

Il valore di SPF (sun protector factor) è un numero che definisce la capacità di un filtro di difendere la pelle dai raggi UVB. Indica la capacità di ritardare l’insorgere dell’eritema tante volte in più rispetto a quanto tempo ci vorrebbe senza alcuna protezione (es . SPF 30= l’eritema compare in un tempo moltiplicato 30 volte rispetto a quando comparirebbe senza protezione).

I raggi UVA sono più dannosi e secondo le leggi europee il fattore di protezione delle creme solari deve essere almeno pari ad 1/3 di quello UVB riportato sull’etichetta


Prepariamo la nostra pelle

Un'alimentazione e idratazione corrette, l'utilizzo di integratori specifici e l'impiego di scrub su viso e corpo una volta alla settimana permettono di avere un colore omogeneo dell'abbronzatura e diminuiscono il rischio di eritemi solari.


Per quanto riguardo gli alimenti via libera ai cibi ricchi di antiossidanti come beta-carotene, vitamina A, selenio, Omega-3, Vitamina C e Vitamina E, contenuti nelle albicocche, pesche e melone e nelle carote, nei peperoni, pomodori e nella frutta secca.

Se necessario assumi integratori a base di potenti antiossidanti quali il Manganese, Rame, Vitamina E, Vitamina C, Zinco e Biotina.

Ricordati di mantenere idratato il tuo corpo, almeno 1,5 - 2 L di acqua al giorno.


E' ora di prendere il sole

La crema solare andrebbe applicata almeno mezz'ora prima di esporsi al sole, così facendo la pelle ha tutto il tempo di assorbirla. La protezione andrà riapplicata frequentemente dopo bagni, docce o una forte sudorazione.


Il nostro consiglio? Dopo il bagno in mare, sciacqua il corpo e togli la salsedine, grande nemica dell'abbronzatura che causa spellature. Asciugati e applica nuovamente la crema solare, per evitare che la pelle si secchi troppo e si scotti


L'esposizione al sole deve essere graduale, evitando le ore centrali della giornata: meglio al mattino fino alle 11 e il pomeriggio dopo le 16.

Prendi il sole in movimento, non fare la "lucertola". Giocare a pallavolo e fare una semplice passeggiare permette un'abbronzatura del corpo omogenea


A fine giornata applica sempre un buon doposole per mantenere la pelle morbida e idratata.


Buona vacanza!!!

26 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

La celiachia